Home Risorse In giro per la Val di Savena (5): Zaccanesca e Madonna dei Fornelli

In giro per la Val di Savena (5): Zaccanesca e Madonna dei Fornelli

E-mail Stampa PDF

Dalla fondovalle, superato il bivio per Monghidoro, proseguendo diritto verso Castel dell'Alpi poco dopo si incontra una svolta sulla destra, direzione "Madonna dei Fornelli". Si supera poi un piccole ponte sul Savena e antico mulino (Molino della Valle). Al nuovo bivio, abbiamo tenuto la sinistra, direzione Madonna dei Fornelli. Primo borgo degno di nota che si incontra, che sinceramente non conoscevamo, è Zaccanesca.

Siamo già all'interno del territorio comunale di San Benedetto Val di Sambro. Ed è proprio sul sito del comune che è reperibile una ricca descrizione storica della località, a cura di Maurizio Valentini (leggi la nota). Vi si legge che antiche carte del pieno medioevo menzionano il borgo con i toponimi di "Caccianesca", "Casavesca", "Cacianca" e che appare citato come "Cacanesca" in testi ottocenteschi (Casini). Vedremo a seguire quanto restituiscono le carte in collezione BolognArt su questo aspetto. Ma come sempre iniziamo l'esplorazione e piccolo reportage fotografico partendo dal suo edificio più significativo, la Chiesa di Santa Maria Assunta.

La facciata della Chiesa

Zaccanesca borgo bologna Val di Sambro

Gli interni e il campanile

Zaccanesca borgo bologna Val di Sambro Zaccanesca borgo bologna Val di Sambro

Interessanti gli edifici rurali attorno alla chiesa, da noi visitati proprio il giorno dopo una sagra paesana (festa della polenta). Il tutto in posizione angusta e arroccato sotto il livello della strada, con bella vista sulla valle e Valgattara. Pensare che ristoratori a Madonna dei Fornelli ci hanno detto di un'affluenza alla sagra di oltre 400 persone!

Zaccanesca borgo bologna Val di Sambro

Zaccanesca borgo bologna Val di Sambro Zaccanesca borgo bologna Val di Sambro

Zaccanesca borgo bologna Val di Sambro Zaccanesca borgo bologna Val di Sambro

Zaccanesca borgo storia San Benedetto Val di Sambro

Ecco lo zoom di dettaglio nella carta dell'Ortelius, 1609. Il toponimo menzionato, a sud est di Cedrecchia, è un altro ancora rispetto a quelli menzionati da Valentini: "Caccianemi".

Ortelius 1609 dettaglio

La litografia di Enrico Corty ci mostra la chiesa a metà Ottocento, oltre a fornirci una ricca descrizione.

Zaccanesca Santa Maria Assunta Enrico Corty


Dopo Zaccanesca, abbiamo proseguito fino a Madonna dei Fornelli, località turistica il cui nome composto ricorda la devozione alla Madonna della Neve, a cui fu eretto un Santuario nel 1630, in ringraziamento alla fine della peste. Durante la Festa dell'Ascensione, l'immagine di Maria col Bambino dipinto su rame viene portata in processione fino a Castel dell'Alpi, dove vi resta per 8 giorni per poi tornare al santuario. Il termine 'fornelli' si crede dovuto alla presenza di carbonai che accendevano nei boschi piccoli fuochi per ottenere il carbone dalla legna.

Madonna fornelli chiesa

Madonna fornelli chiesa Madonna fornelli chiesa

Ultimo aggiornamento Sabato 01 Settembre 2012 22:59  
Banner