Home Vedute e piante di Bologna Vedute e piante del XIX Secolo Giovanni Zecchi, ca 1833-1840, San Domenico

Giovanni Zecchi, ca 1833-1840, San Domenico

E-mail Stampa PDF

GIOVANNI ZECCHI

"Piazza di S.Domenico in Bologna"

sandomenico Zecchi Bologna

"Principali vedute di Bologna presso Gio. Zecchi", raccolta di vedute, s.d., ca 1833-1840

83 mm x 128 mm

Note: P. Romagnoli incise, "'L'Editore Gio. Zecchi Negoziante in Bologna". Questa veduta è censita dal Brighetti in distinte raccolte edite da Zecchi (164/9, 165/14, 172/12, 172bis/10) che citiamo nel dettaglio a seguire, ma si differenzia per la compresenza della numerazione (67, in alto, 14, in basso, e un ulteriore n.12, a destra al centro, cosa che fa supporre una data di pubblicazione successiva alle quattro edizioni censite dal Brighetti).

La raccolta di vedute dello Zecchi in collezione BolognArt non ha riferimenti precisi in bibliografia. Si compone di 34 incisioni in rame delle 38 differenti vedute di Bologna stampate dallo Zecchi e complessivamente censite da Brighetti (tra le 23 edite in "Raccolta di N.100 Vedute principali dell'Italia", 1836, n.164; pp.181-188, le 35 in "Raccolta di N.40 vedute della città e sobborghi di Bologna", ca 1836, n.165, pp.189-192, le 34 in "Itinerario di Bologna composto di N.34 Vedute incise in rame corredate di note artistiche e di un compendio storico", 1840, n.172, pp.200-201, e le 14 in "Numero 14. Principali vedute di Bologna", ca 1840, n.172bis, p.202).

La nostra raccolta comprende anche il frontespizio "Principali vedute di Bologna" (citato da Brighetti relativamente alla raccolta "Numero 14"), le vedute non di Bologna presenti nella "Raccolta di N.40" - di Modena, Cremona, Venezia e Sette Torri d'Italia - una pianta della città (ante 1846) e una veduta prospettica di colore blu (anch'essa senza corrispondenze esatte in bibliografia).

Bibliografia: A. Brighetti, Bologna nelle sue stampe. Vedute e piante scenografiche dal Quattrocento all'Ottocento, 1979.

Provenienza: Italia

 
Banner

Seguici su Facebook!

BolognArt News

Banner

La tua opinione

Chi è il tuo cartografo preferito?